Monte Sella da Renara via  Lizza della Monorotaia
 


 

Resceto
 

Le leggende
 

Resceto monte Sella, lungo il Canale dei Vernacchi
 

album fotografico
 

CANALE DI RENARA – LIZZA DELLA MONOROTAIA (O DI PIASTRETA) – FOCOLA DEL VENTO – CAVA BAGNOLI – M.SELLA 

La lizza della monorotaia (o di Piastreta o Denham dal nome del suo inventore), costruita originariamente per la lizzatura manuale, fu successivamente riadattata per la lizzatura meccanica. Percorrendola è impossibile non notare il binario su cui scorreva la “macchinetta Denham”, capace di trasportare fino ad 11 tonnellate di marmo. Le pendenze maggiori di questa via di lizza sono raggiunte nel Fosso del Chiasso, dove si arriva all’80-85%! E’ sicuramente una delle vie di lizza più famose della nostra catena, un’opera di fronte alla quale è impossibile non rimanere stupefatti.
 

L’itinerario inizia dal Canale di Renara (m. 270), dove lasciamo la macchina (nel punto in cui termina la strada asfaltata). Renara è raggiungibile da Massa seguendo le indicazioni per Resceto, poi all’altezza del piccolo e incassato abitato di Gronda, dobbiamo svoltare a destra e seguire la strada asfaltata fino al punto in cui questa diventa sterrata.
Lasciata la macchina ci incamminiamo lungo la sterrata via marmifera (sentiero CAI 162), circondati da vecchie cave abbandonate e saggi di cava. In breve (15 minuti), raggiungiamo la località di Renara (vecchia baracca in lamiera che ospita un gregge di pecore) dove il canale si biforca. Continuiamo sulla marmifera ancora per pochi metri fino a che, sulla sinistra, non incontriamo una vecchia costruzione. Qui dobbiamo svoltare a sinistra (segnalazioni “Fosso del Chiasso” e “Canale di Pianel Soprano”), abbandonando il 162 che ci condurrebbe a Casa Bonotti e quindi al Passo del Vestito. Saliamo sul poggio vicino alla vecchia costruzione fino a raggiungere l’inizio della lizza, che qui si presenta come uno stradello cementificato.
Siamo ora nel Canale di Pianel Soprano che percorriamo sino ad arrivare ad un’altra biforcazione (m. 546): a dritto andremmo nel Canale della Buchetta, mentre alla nostra sinistra si apre l’incredibile Fosso del Chiasso, dove ben visibile è l’ancora più incredibile tracciato della lizza della monorotaia. Svoltiamo quindi a sinistra ed attraversiamo il greto del torrente, imboccando il Fosso del Chiasso.
Qui troviamo il poggio caricatore della lizza; da qui inizia il binario che ci terrà compagnia per buona parte della nostra escursione. All’inizio la pendenza è contenuta e la lizza è in un precario stato di conservazione, poi, man mano che ci addentriamo nell’orrido fosso, la pendenza aumenta ed anche lo stato di conservazione della via di lizza migliora sensibilmente. La salita è faticosa, le pendenze sono intorno all’80%, anche se il procedere è facilitato dagli scalini (oltre 2000) che caratterizzano questa via di lizza.
Finalmente arriviamo all’uscita del Fosso del Chiasso, dove dopo pochi metri, la lizza si biforca (non molto evidente). Siamo a 1010 mslm. Qui abbandoniamo la lizza della monorotaia (che ci porterebbe alle Cave Ronchieri, oggi raggiunte da una strada marmifera proveniente da Arni) e svoltiamo decisamente a sinistra, puntando la torretta ENEL – visibile in caso di assenza di nebbia – della Focola del Vento. Percorriamo ora la lizza dei Bagnoli (poco visibile, percorso segnalato con sporadici ometti di pietra) sino a raggiungere la cresta che scende dalla Focola del Vento.
Arrivati sulla cresta ci allacciamo al sentiero CAI 160 proveniente dal Canale della Neve. In alcuni punti c’è una certa esposizione, quindi dobbiamo procedere con cautela. Giungiamo finalmente alla Focola del Vento (m.1358), dove è presente una vecchia centralina ENEL che serviva per portare l’elettricità alla Cava Bagnoli; la oltrepassiamo ed iniziamo a salire decisamente i prati sommitali del Sella. Qui la salita si fa veramente ripida, il sentiero ricalca in parte quello di una ripidissima lizza proveniente dalla Cava Bagnoli: sembra impossibile che gli uomini riuscissero a trasportare blocchi di marmo di svariate tonnellate su queste pendenze. Sono presenti anche numerosi piri in legno, ai quali venivano legate le cariche di marmo. Sulla sinistra in basso ben visibile il bosco della Selvarella, sovrastato dalle altissime Cave Cruze, alle quali arriva una ripidissima via di lizza.
Continuiamo la nostra salita per paleo e roccette (seguire scrupolosamente il sentiero, soprattutto in caso di scarsa visibilità), sempre con pendenza sostenuta, fino ad arrivare alla Cava Bagnoli (m. 1609). Qui sono presenti blocchi di marmo perfettamente squadrati, che sembrano attendere l’arrivo, da un momento all’altro, di una compagnia di lizzatori che li accompagni a valle. Il sentiero 160 prosegue, sempre segnato, in un ripido impluvio che ci conduce alla cresta. Da qui svoltando a destra possiamo raggiungere in pochi minuti e per ampia cresta la vetta del Sella (m.1739).
C’è da dire che mentre sulle carte la vetta del Sella è segnalata a destra dell’uscita in cresta (effettivamente questa sembra la più alta), sul sentiero la vetta è indicata a sinistra. In occasione della nostra escursione abbiamo raggiunto entrambe le vette collegate dalla linea di cresta percorribile in 5 minuti (prestare un minimo di attenzione se ci si reca sulla vetta di sinistra, perché in questo punto la cresta, pur non presentando particolari difficoltà, non è molto larga). Mentre sulla vetta di destra (sud) è presente un piccolo cippo in legno con la scritta “M.Sella m.1739”, il quaderno di vetta è sulla cima di sinistra (nord).
Dal Sella il panorama è stupendo su tutte le Apuane settentrionali: fanno bella mostra di sé “Sua Maestà” la Tambura, il Sagro, il Grondilice, il Contrario, il Passo della Focolaccia ed il Cavallo. Ad est il panorama si apre sull’Appennino, mentre a sud il Sumbra, il Fiocca, le Panie e l’Altissimo dominano il paesaggio. Visibili anche l’Eremo di San Viviano, proprio sotto il Roccandagia, il lago di Vagli e la Valle Arnetola con l’enorme ravaneto provocato dalle cave poste sotto il M.Pallerina.
Dato il carattere parecchio dirupato della zona, consigliamo di percorrere lo stesso itinerario anche al ritorno, facendo attenzione nei punti più ripidi (molta attenzione nella discesa del Fosso del Chiasso).
Questo percorso ci permette di conoscere le Apuane più selvagge, costellate da vere e proprie testimonianze della storia dell’escavazione come le vie di lizza, perfettamente integrate nell’ambiente naturale. Un itinerario che ci fa comprendere perché le nostre Apuane sono definite le "montagne irripetibili". 

ITINERARIO

Canale di Renara (m. 270), Renara (m. 310), imbocco Fosso del Chiasso (m. 546), uscita Fosso del Chiasso (m. 1010), Focola del Vento (m. 1358), Cava Bagnoli (m. 1609), M.Sella (m. 1739) 

SENTIERI PERCORSI

·         CAI 162 (dal punto in cui lasciamo la macchina fino a Renara)

·         lizza della monorotaia (da Renara all’uscita del Fosso del Chiasso)

·         raccordo non segnato (qualche ometto) dall’uscita del Fosso del Chiasso alla dorsale della Focola del Vento

·         CAI 160 (dalla dorsale della Focola del Vento al M.Sella). 

DIFFICOLTA’

·         Canale di Renara – Renara: T (tratto su strada marmifera)

·         Renara – imbocco Fosso del Chiasso: E (tratto su largo e agevole sentiero)

·         Fosso del Chiasso – Focola del Vento: EE (forte pendenza nel Fosso del Chiasso, brevissimio tratti esposti prima della Focola del Vento)

·         Focola del Vento – Cava Bagnoli – M.Sella: EE (tratti ripidi su onnipresente paleo e roccette, breve tratto esposto sulla Cresta di Sella).

L’intero percorso richiede un’ottima preparazione fisica. Sconsigliato in caso di ghiaccio e/o scarsa visibilità.

 

DISLIVELLO

1470 m. circa

 

TEMPO DI PERCORRENZA

7 ore (andata 3 h 45’, ritorno 3 h 15’)